La modella torna in Russia: «Marche straniere fuggite, venderò abiti». Poi le minacce choc al giornalista

download (1)Mentre tante aziende occidentali fuggono dalla Russia, lei ha fatto il percorso inverso: parliamo di Kira Dikhtyar, modella 22enne, che dopo tanti anni da modella negli Stati Uniti ha deciso di tornare a casa nella madre Russia, per lanciare una nuova linea di abbigliamento in un Paese colpito dalle sanzioni e in cui ha visto una nuova opportunità. Kira, che ha doppia cittadinanza russa e americana, ha un’idea precisa: replicare i marchi occidentali per riempire gli scaffali delle marche straniere che sono andate via dalla Russia dopo l’niizio della guerra in Ucraina.

«Cambieremo un po’ il design per non essere citati in giudizio dalle aziende», ha detto in un’intervista telefonica con il Washington Post. «Cosa c’è che non va? – ha detto – È un’opportunità straordinaria qui a Mosca». «Il mercato è enorme. Pensateci: 150 milioni di persone non hanno niente da indossare perché tutti i marchi si ritirano». Negli Usa Kira – che negli ultimi dieci anni ha lavorato come modella con la sua immagine sulle pagine di FHM e le edizioni estere di L’Officiel e Playboy – era conosciuta soprattutto per la partecipazione al reality show “The Face” e per uno scontro con l’ex top model Naomi Campbell.

Dopo l’intervista al Washington Post, la modella si è però lasciata andare ad un inspiegabile scivolone: come ha raccontato il giornalista che l’ha sentita per oltre due ore, la giovane ha chiesto che l’articolo non fosse pubblicato, perché lei non era autorizzata a parlare a nome del marchio di abbigliamento. «La mafia russa esiste ancora. Faremo un controllo sui precedenti tuoi e della tua famiglia», la minaccia choc: poco dopo però avrebbe fatto marcia indietro affermando che fosse tutto uno scherzo. «Hai paura della mafia russa?».

La modella torna in Russia: «Marche straniere fuggite, venderò abiti». Poi le minacce choc al giornalistaultima modifica: 2022-06-23T13:26:19+02:00da chris20210
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment